Un nuovo Capozza. E il calcio produce energia

La conclusione dei lavori è prevista in dodici mesi

Nuova gradinata, nuove tribune, nuove curve e nuovi servizi connessi. 10mila posti, tutti a sedere. La Virtus Casarano, società sportiva dei fratelli De Masi, ha presentato all’amministrazione comunale il progetto per la ristrutturazione dello stadio “Capozza”. Non è tutto: è prevista la copertura dell’intera struttura con fotovoltaico integrato. Sarebbe uno dei pochi esempi al mondo

Un impianto per il calcio, ma anche una centrale fotovoltaica. Il glorioso, vecchio stadio “Capozza” con copertura energetica è l’ultima idea di Paride De Masi, l’amministratore delegato del Gruppo Italgest che, tra l’altro, è anche proprietario della Virtus Casarano, la squadra di calcio della città. L’idea è stata sviluppata in un progetto, relativo alla ristrutturazione del “Capozza”, che l’imprenditore, insieme al fratello Ivan De Masi, ha illustrato al sindaco, Remigio Venuti, e all’assessore allo Sport, Marcello Torsello, durante un incontro svoltosi lunedì scorso per definire gli ultimi aspetti tecnici relativi alla convenzione per l’impianto. Lo stadio comunale “Capozza”, quindi, sarà presto pronto per palcoscenici più importanti del campionato di Eccellenza. Nello specifico i lavori di ristrutturazione riguarderanno il rifacimento della gradinata, delle tribune laterali, della tribuna centrale, della curva nord e di tutti i servizi connessi. Sarà demolita la curva sud ed è previsto il rifacimento della stessa con progetto speculare a quello della curva nord. Lo stadio, inoltre, avrà tutti i posti a sedere grazie all’installazione di appositi seggiolini (la capienza sarà di circa 10mila spettatori). La società sportiva dei fratelli De Masi sostituirà la recinzione in ferro del terreno di gioco con pannelli trasparenti per permettere una migliore visibilità delle gare. Il Gruppo Italgest si è impegnato a iniziare i lavori subito dopo l’approvazione della convenzione da parte del Consiglio Comunale, con la conseguente firma dell’accordo; questi saranno ultimati entro dodici mesi. La convenzione avrà durata ventennale, per un costo iniziale di manutenzione straordinaria di circa un milione di euro, interamente a carico della Virtus Casarano, e con la possibilità di energizzazione successiva della struttura, attraverso la copertura dell’intero stadio con fotovoltaico integrato. “Siamo pronti a presentare la convenzione al Consiglio Comunale – ha affermato il sindaco – spero possa accadere nel giro di pochi giorni, il tempo di chiedere la convocazione del Consiglio. Il nuovo Capozza sarà l’emblema della collaborazione tra pubblico e privato, foriera di infrastrutture importanti, capaci di dare una risposta ad un’esigenza sportiva e di visibilità nazionale della città”. “Il Capozza avrà un abito nuovo e finalmente idoneo ai grandi eventi sportivi – ha dichiarato Paride De Masi – spero solo sia possibile anche la copertura energetica. Se fosse così sarebbe una delle prime strutture al mondo pensata in questo modo. Dopo gli incontri con i gruppi organizzati dei tifosi – prosegue l’ad di Italgest – si è ribadita la volontà di ristrutturare ed adeguare alle nuove normative il glorioso Capozza. Avevo presentato un progetto per un nuovo stadio nella zona industriale, ma dopo tante valutazioni ed incontri, si è pensato di proporre all’Amministrazione Comunale la sistemazione definitiva della vecchia struttura che avrà comunque circa 10mila posti a sedere. Spero che la Virtus – conclude De Masi – possa giocare un ruolo importante nel calcio italiano del futuro”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!