La Spagna va a scuola a Lecce

Partono gli scambi culturali

Sono ospiti da qualche giorno dell’Istituto d’Arte “G. Pellegrino” di Lecce alcuni studenti della Escuela de Arte de Almeria, città dell’Andalusìa in Spagna

La visita dei giovani spagnoli rientra nelle attività di partenariato del Progetto Socrates/Comenius, un’iniziativa finanziata dall’Unione Europea allo scopo di favorire scambi culturali ed esperienziali tra studenti di Nazioni diverse.Questa visita, in qualche modo, ricambia quella già compiuta da 12 alunni dell’Istituto leccese nel mese di febbraio ad Almeria. Gli studenti leccesi hanno avuto l’opportunità di un viaggio gratuito in Andalusia ospiti della Escuela de arte de Almeria, durante il quale hanno sperimentato nuove tecniche di lavorazione della ceramica tra cui la tecnica della “cuerda seca” con la quale, aiutati dai docenti e dagli studenti spagnoli, hanno realizzato, tra le altre cose, un pannello decorativo da inserire nell’arredo urbano di Almeria con richiami alle tradizioni e alla cultura salentina. Altri manufatti realizzati dai ragazzi italiani durante quella visita di istruzione, saranno esposti nel museo di Almeria all’interno di una mostra sul Salento. Gli spagnoli che, invece, sono giunti a Lecce lo scorso 26 marzo accompagnati dai propri docenti, Sara Sanz Nisa e Pedro Golan Rosales, frequentano ogni giorno il “Pellegrino” per apprendere le tecniche ceramiche del “Raku” e del “Lustro” grazie alle performances del docente di Laboratorio di Ceramica, Salvatore Mazzotta: i manufatti realizzati in questi giorni saranno poi donati alla Città di Lecce. “Per loro – ha spiegato il Dirigente scolastico dell’Istituto d’arte di Lecce, Mario Biagio Portaccio – questa è anche l’occasione per conoscere il nostro territorio, le sue bellezze, i suoi monumenti ma anche la proverbiale accoglienza dei Salentini. I giovani spagnoli, infatti, vengono ospitati nelle famiglie dei nostri ragazzi che partecipano al Progetto e condividono con loro l’intera giornata. Per noi – ha concluso il Dirigente scolastico Portaccio, ringraziando i docenti Luciana Palmieri e Giuseppe De Vietro che hanno accompagnato i ragazzi leccesi in questa esperienza in Spagna – contribuire a promuovere il Salento, ed essere apprezzati anche all’estero (con pubblicazione di articoli su vari quotidiani spagnoli come “EL MUNDO”, “TELEPRENSA ALMERIA”, “LA VOZ DE ALMERIA”, ecc.) è motivo di orgoglio per il nostro lavoro ma è anche la dimostrazione che siamo ormai sintonizzati su orizzonti che ci proiettano fuori dalla consuetudine di una didattica che spesso è solo nozionistica e poco gratificante per i nostri alunni”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!