Un parroco a giudizio per pedofilia

L'oggetto delle attenzioni è un giovane pastore di Erchie

Avrebbe avvicinato più volte il minore per cercare di convincerlo ad avere rapporti sessuali con lui; in una circostanza lo avrebbe addirittura costretto ad assistere ad un rapporto con una persona di colore. Davanti ai giudici un sacerdote di Nardò

Avrebbe molestato in più occasioni un giovane pastore che pascolava il suo gregge nelle campagne di Erchie, in provincia di Brindisi, fino a quando questi, divenuto maggiorenne, non ha preso coraggio ed ha denunciato tutto ai carabinieri. Per questa ragione don Enzo Greco, sacerdote di 61 anni di Nardò, parroco a Santa Caterina e titolare di una cattedra in una scuola media, è stato rinviato a giudizio per violenza sessuale e atti osceni. Il prossimo 22 aprile si aprirà il processo a suo carico presso il tribunale di Brindisi. All’epoca dei fatti, che risalirebbero al 2001, il giovane aveva appena 15 anni. Le indagini hanno preso il via solo nel 2006, però, quando la vittima ha trovato il coraggio di raccontare ciò che avrebbe subito per lungo tempo. Secondo quanto questi ha riferito, il sacerdote avrebbe avvicinato più volte il giovane per cercare di convincerlo ad avere rapporti sessuali con lui; in una circostanza lo avrebbe addirittura costretto ad assistere ad un rapporto con una persona di colore. La notizia, che da qualche giorno sta circolando per le strade cittadine, ha creato un certo allarmismo presso le famiglie e le parrocchie. Sembra, al momento, che non si siano verificati altri casi del genere. Toccherà al tribunale di Brindisi scoprirlo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!