E la chiamano estate…

Barba sul taglio trasporti

Vincenzo Barba si esprime sul problema del taglio dei trasporti e delle linee aeree e ferroviarie

“E la chiamano estate…”. Esordisce così il senatore Vincenzo Barba commentando il taglio dei trasporti e delle linee aeree e ferroviarie nel Salento. Un problema che colpisce non solo i residenti ma anche i turisti che d'estate decidono di trascorrere le vacanze nel territorio salentino. “Adesso scopriamo anche che, chi vuole raggiungere il nostro territorio utilizzando le Ferrovie dello Stato, non possa più viaggiare su treni Eurostar, ma su altre vetture forse più vicine alle vecchie locomotive se non, addirittura, ai carri adibiti al trasporto del bestiame piuttosto che ai moderni vagoni sui quali viaggiano, invece, i cittadini più fortunati”. Barba pone il problema all'attenzione del governo regionale: “Mi auguro che il Governo Vendola non si distragga troppo in quest’ultima fase di campagna elettorale e si dedichi anima e corpo alla tutela ed alla difesa della nostra Puglia che non può sopportare oltre i capricci di Alitalia e Ferrovie dello Stato senza protestare ad alta voce. Se con l’apertura della stagione turistica dovesse per davvero passare la linea di Trenitalia, le autorità che governano il territorio a livello nazionale e locale sarebbero da ritenersi responsabili per una sorta di culpa in vigilando. Non oso immaginare cosa sarebbe accaduto se lo scandalo che viviamo in queste ore si fosse avuto a parti politiche invertite. Ma di questo sarà il caso di parlarne a tempo debito”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!