Attentato ad un salone di parrucchiere

Ombra del racket dietro le fiamme

Nardò. I responsabili del gesto hanno introdotto benzina attraverso la saracinesca leggermente sollevata ed hanno appiccato il fuoco. Risultato: un locale praticamente distrutto

Il suo salone di parrucchiere appare oggi praticamente distrutto. E lui, Luca Metrangolo, ancora si interroga su chi possa aver portato a segno un colpo del genere e quali interessi abbia avuto per farlo. Il locale si trova nella centralissima via Volta a Nardò. Poco dopo la mezzanotte, davanti alla saracinesca che dà sulla strada, si sono viste fiamme alte quasi due metri. Alcuni passanti hanno allertato Polizia di Stato e Vigili del fuoco e lo stesso titolare del negozio che, quando è arrivato sul luogo, ha trovato gli uomini del pronto intervento ancora al lavoro per spegnere l’incendio. All’interno, la situazione è apparsa ancora più grave di quanto non sembrasse fuori: il divano aveva preso fuoco, gli specchi erano ridotti in frantumi a causa dell’alta temperatura, diversi strumenti di lavoro erano diventati inutilizzabili. Gli inquirenti hanno appurato da subito che si sia trattato di un incendio doloso; qualcuno ha fatto passare attraverso la saracinesca leggermente sollevata della benzina ed ha poi appiccato il fuoco. Questo si è propagato velocemente, interessando prima la moquette e poi il resto del negozio. Merangolo ha dichiarato di non aver subito intimidazioni o minacce nei giorni scorsi; ma ha riferito anche di un episodio singolare, accaduto proprio l’1 aprile e pertanto preso come un “pesce d’aprile”: un uomo con casco da motociclista in testa si è introdotto nel suo salone chiedendo dei soldi; al rifiuto del titolare, è fuggito via senza pronunciare una parola. Il Commissariato di Polizia di Nardò sta indagando a tutto campo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!