Moto contro auto. Muore il centauro

Muore prima di raggiungere l'ospedale

L'ultima vittima delle strade salentine si chiama Francesco Papadia, 33enne galatinese. Ha perso la vita quando la sua moto si è scontrata con un'auto

Aveva 33 anni e svolgeva la professione di metalmeccanico. Francesco Papadia, di Galatina, ha perso la vita ieri pomeriggio mentre, alla guida della sua moto Suzuki GSX 600 R, si era lasciato alle spalle la sua città circa un chilometro e stava viaggiando in direzione di Galatone. Indossava il casco, ma ciò non è servito ad attutire il colpo contro una Fiat Uno nera, vecchio modello, guidata da Romina Zafferino, anche lei galatinese, 31enne volontaria in ferma breve per un anno nell’esercito italiano; nell’auto vi era anche un’altra ragazza, Valentina Caputo, 25enne di Squinzano. La dinamica dell’incidente non è ancora stata ricostruita nel dettaglio, ma pare che l’auto stesse svoltando a sinistra e, intanto, la moto fosse impegnata in un sorpasso. Lo scontro ha spinto la Suzuki fuori strada, su un terreno di fronte ad un vecchio casolare abbandonato. A poco sono serviti i soccorsi del 118; l’uomo è arrivato al vicino ospedale quand’era ormai privo di vita. Le ragazze se la sono cavata solo con qualche lieve ferita e tanto spavento.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!