Evade in treno per nostalgia di casa

Fugge da Roma e arriva a Lecce

Troppa mancanza di mamma e papà. Così il collaboratore di giustizia Carlo Gervasi evade dai domiciliari per riabbracciarli. I parenti l'hanno riaccompagnato dai carabinieri

Pare avesse nostalgia di casa. Di mamma e papà che, dopo tanto tempo di lontananza, non vedeva l’ora di riabbracciare. Ha spiegato così il suo gesto Roberto Capoccia, 49 anni, di Cavallino. Collaboratore di giustizia, principale accusatore ed imputato nel processo sul parco commerciale di Cavallino (quello che ha fatto finire in carcere, tra gli altri, anche Roberto Baldassarre, 46enne ex assessore al Bilancio e alla Programmazione economica della città). Capoccia è evaso dalla casa di un paese vicino Roma dove si trovava agli arresti domiciliari. E, tanta la voglia di casa, ha preso il treno destinazione Lecce. Infatti, una volta nel Salento, si è recato dai suoi. Sono stati gli stessi parenti ad accompagnarlo dai carabinieri. E’ difeso dall’avvocato Carlo Gervasi.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!