Osvaldo Casto, ‘A.g.imu., tutti in piazza’

Ruffano. Ecco le priorità secondo il candidato della lista: “Agimu per la Comune”

Due Amministrazioni terminate prima del tempo, una per inchieste giudiziarie l’altra per le dimissioni della maggioranza dei consiglieri. Da dove ripartire per conquistare la fiducia dei cittadini? “La risposta è che A.Gi.Mu. è già al lavoro da 4 mesi per il recupero della fiducia, ma soprattutto A.Gi.Mu. è una lista civica, libera e apartitica che è nata spontaneamente ed esclusivamente da una assemblea pubblica permanente di cittadini”. A Torrepaduli si svolge un evento che è il cuore dell’estate salentina, la Festa di San Rocco, e che attira turisti da ogni parte d’Italia. In che modo intende valorizzare quest’evento? “Subito un concorso di idee per una ridefinizione urbanistica degna dell’evento, quindi privilegiare chi da sempre svolge attività e mestieri tipici, affidarla soprattutto nelle mani dei ricercatori e cultori profondi conoscitori delle tradizioni e della musica popolare, il tutto nel rispetto della tipicità della festa originaria senza distorsioni commerciali”. Qual è oggi l’emergenza per il Comune di Ruffano? Come la affronterà se sarà lei il prossimo sindaco? “L’emergenza principale l’ha individuata lei con la sua prima domanda: lo scollamento dei cittadini dalla vita amministrativa per la perdita di fiducia verso la figura dell’amministratore pubblico. Ribadisco quindi quanto già espresso nella prima risposta, ovvero che abbiamo chiamato direttamente i cittadini nella piazza di A.Gi.Mu. libera ed apartitica, scegliendo insieme programma e candidati. in seconda battuta occorre tornare a programmare gli aspetti salienti della vita amministrativa e della comunità, in particolare con la pianificazione del territorio che è stata volutamente tenuta ferma al PDF del 1975. La parte operativa dell’associazione A.Gi.Mu. ha preso corpo con la lista AGIMU”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!