Wireless per gli aspiranti ingegneri

Reti senza fili per 600 studenti

Se connessione è bello, senza fili è meglio! Da circa tre anni la rete wireless è una realtà consolidata per gli studenti di Ingegneria dell’Università del Salento. E ora questa rete è attiva anche su Brindisi

Sono circa 600 gli studenti che utilizzano la connessione wireless e un centinaio i docenti. Nata per ovviare alla carenza di spazi in proporzione all’elevato numero di utenti, la rete wireless è attiva presso la Stecca, ovvero la sede della Facoltà di Ingegneria, presso il Corpo O, sede del Dipartimento di Ingegneria dell’Innovazione, presso l’edificio Angelo Rizzo, sede delle nuove grandi aule di Ingegneria, ed ora anche alla sede di Brindisi. In questo modo si può far fronte in maniera ottimale alle esigenze di connessione degli studenti, del personale tecnico amministrativo e dei docenti. L’accesso alla rete è nominativo, ovvero avviene previa registrazione. “Da poche decine di utenti siamo passati a queste cifre significative grazie ovviamente all’aumentata diffusione dei computer portatili”, spiega l’Ingegner Antonio Guerrieri, responsabile dei Servizi Telematici del Dipartimento di Ingegneria dell’Innovazione dell’Università del Salento, che sottolinea: “Il passo più recente è stato il collegamento dell’infrastruttura wireless di Brindisi. Le tecnologie utilizzate per garantire la sicurezza dei naviganti sono tutte Open Source, ovvero prevedono l’utilizzo del software libero. Il fatto che non esistano tecnologie proprietarie ci consente il controllo completo dell’intero processo, senza aggravio di spesa sul bilancio dell’Ateneo.” La preziosa rete conta circa trenta “hot spot”, ovvero gli apparati che rendono possibile la connessione ad internet, ed è stata realizzata da un team di esperti diretto dall’ingegner Antonio Guerrieri e dal dottor Michele Linciano del Dipartimento di Ingegneria dell’Innovazione.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!