Nardò – Pagani. Progetti in corso

Allargamentio della strada

Il comune di Nardò sta provvedendo al miglioramento della strada Nardò – Pagani. Antonio Vaglio sindaco della città si esprime in seguito a tali lavori di rimodernamento

“A seguito degli allagamenti sulla strada Nardò – Pagani che si sono verificati in occasione della pasquetta – ha dichiarato il sindaco Antonio Vaglio – abbiamo chiesto un’attenzione particolare ai responsabili dell’Ufficio lavori pubblici che ci hanno rassicurato”. In particolare, dietro apposita richiesta, il dirigente Piero Formoso ha dichiarato che in data 07/03/2008 la direzione lavori aveva contestato all’impresa la situazione anomala di alcuni tratti di strada e dell’incrocio di via O. Vaglio, così come per altri tratti, documentata da fotografie dove già in precedenza si erano accertate la presenza di avvallamenti e di ristagni di acqua. Sia l’impresa che la D.L., ha assicurato Formoso, eseguiranno le verifiche del caso tese ad eliminare l’inconveniente. Lo stesso dirigente ha anche evidenziato come il progetto in corso di esecuzione rispetti il precedente profilo stradale, salvo modifiche dettate da situazioni contingenti. “In base agli atti progettuali e di cantiere, in possesso del Comune di Nardò e della Direzione dei lavori – ha dichiarato Formoso – la strada Nardò Pagani deve presentare, nel tratto interessato ai problemi di allagamento, una pendenza costante pari al 1.7‰. Tale pendenza, sia pure esigua ma in linea con la stragrande maggioranza delle vie di Nardò che presentano pendenze che non superano il 2 ‰ e cioè pari a 2 mm a metro, dovrebbe consentire il deflusso delle acque meteoriche”. “In precedenza – ha proseguito – la strada presentava irregolarità delle livellette, che sono state regolarizzate, e che prima provocavano minori ristagni di acqua perché le banchine erano a fondo naturale e l’acqua defluiva nella campagna circostante e non era contenuta, come adesso, da cordolature stradali”. “Vi è da segnalare – ha concluso Formoso – che attualmente la pavimentazione è costituita da Bynder, per natura grossolano e ruvido ed in quanto tale, di ostacolo allo scorrimento dell’acqua che invece migliorerà quando sarà realizzato il tappetino bituminoso dalla superficie molto liscia”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!