Coppiette? Sì, di ladri

Manette ai polsi di due coppie topi d'appartamento

Fingevano di appartarsi nelle stradine più buie di Torre dell'Orso in cerca di privacy, ma in realtà portavano a compimento furti negli appartamenti disabitati dei villeggianti estivi

Sembravano le classiche coppiette che, in cerca di un po’ di intimità, si appartano nelle stradine buie e poco trafficate delle località balneari. In questo caso, Torre dell’Orso. Bella, bellissima, e praticamente disabitata nei mesi invernali. Ma, nonostante l’aspetto, non si trattava di coppiette così romantiche da cercare la privacy nei vicoli, bensì di due coppie di rapinatori che ormai avevano affinato la tecnica. Le “lei” vicino alle macchine, a fare la “posta”, controllando che non arrivasse nessuno; i “lui” all’interno degli appartamenti, a cercare di portar via quanta più ruba possibile consapevoli che i proprietari di casa si sarebbero accorti del furto solo dopo mesi. Ma, ironia, della sorte, è stata proprio una coppia, stavolta una coppia veramente alla ricerca di un luogo tranquillo dove scambiarsi un po’ d’affetto, a dare l’allarme, telefonando ai carabinieri. Questi non si sono fatti attendere troppo ed hanno subito messo le manette ai polsi dei quattro. Che rispondono di furto aggravato e continuato in concorso.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!