Minacce al sindaco: profanata tomba di famiglia

Il custode ha lanciato l'allarme

Scritte minatorie sulla cappella cimiteriale di famiglia. Continuano gli atti intimidatori nei confronti di Antonio Buccarello, primo cittadino di Gagliano del Capo

Non si sono fermati neppure dopo la perquisizione a casa del maggiore indiziato gli atti intimidatori nei confronti del sindaco di Gagliano del Capo, Antonio Buccarello. E così, dopo le lettere con contenuto minatorio, spesso corredate di polvere da sparo o da pallini da cartucce da caccia, adesso è toccato ai defunti del primo cittadino. Scritte sataniche, minacce ed insulti, realizzati a vernice rossa, sono stati rinvenuti, infatti, sulle lapidi della cappella di famiglia. A scorgerle per primo è stato il custode del cimitero che ha subito avvisato i carabinieri e il sindaco stesso. Il quale è arrivato quando le più violente erano state già cancellate. La Procura ha aperto un fascicolo sugli atti intimidatori che si sono susseguiti finora nei confronti di Buccarello. Spetterà agli investigatori stabilire se anche quest’ultimo episodio sia da ascrivere alla già lunga lista al vaglio del pubblico ministero Francesca Miglietta.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!