Carabiniere vittima dei piromani

Distrutta un auto

Secondo attentato in 24 ore per l'Arma dei carabinieri di Surbo. In una notte sono state incendiate due auto dei militari

Un atto di ritorsione contro l'Arma dei carabinieri. La scorsa notte a Surbo alcuni malviventi hanno messo a fuoco due auto dei militari della città. Probabilmente si tratta di azioni che si stanno verificando come conseguenza della decisione del comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza di rafforzare i controlli dopo i colpi di pistola sparati tempo fa contro la sede della polizia municipale e altri atti simili verificatisi in città. I controlli però continuano per cercare di riportare un clima più sereno in vista delle elezioni comunali. Vittima degli ultimi attentati di venerdì scorso due carabinieri che abitano a Surbo ma prestano servizio in altra città.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!