Dov'è la mafia?

Storie di ordinaria complicità.

Tutti affermano (solo a telecamere accese) che occorre un'impegno forte contro la criminalità organizzata. Che occorre una reazione forte dello Stato. Spesso lo Stato non può reagire perchè chi si occupa di gestirlo è complice della mafia. Anche in realtà, come quella salentina, che sembrano quasi del tutto libere da fenomeni mafiosi. Ormai i mafiosi non sparano più: giocano in borsa.

XII Giornata Nazionale del ricordo e dell'impegno per le vittime delle mafie. Bari 16 marzo 2008. Tante testimonianza di familiari delle vittime. Unico punto in comune: l'assenza dello Stato. “Dov'è lo Stato?” si chiedeva qualcuno. “Lo Stato è complice” azzardava qualcun altro. “Liberiamo le istituzioni dalla mafia” dicevano i più fiduciosi. “Con la mafia bisogna conviverci” affermava un Ministro della Repubblica: indipendentemente dal colore politico forse questo pensiero trova molti politici d'accordo. E come dare torto ai tanti amministratori locali che chiudono gli occhi sugli investimenti mafiosi (anzi li incentivano) semplicemente perché poi nel supermercato costruito con i soldi riciclati andranno a lavorare decine di persone “proposte” dal Sindaco o dall'Assessore di turno. Tutti contenti. Il mafioso avrà riciclato il proprio denaro, i cittadini più devoti avranno trovato lavoro, il politico avrà distribuito un po' di posti di lavoro alla sua “clientela” in cambio di una rielezione assicurata. E non fa niente se per fare un investimento il mafioso avrà taglieggiato commercianti, spacciato droga o, solo quando proprio non si poteva fare diversamente, avrà ammazzato qualcuno. L'importante è che nessun ingranaggio si rompa. Tanto ogni assessore comunale è amico di uno provinciale o regionale. O di un onorevole che avrà bisogno di quei voti per essere eletto. Quindi l'impegno contro le mafie lasciamolo ai poliziotti coraggiosi, ai magistrati fedeli servitori dello Stato. Ai commercianti che decidono di ribellarsi non pagando il pizzo e che vedono bruciare i loro negozi. Questi sì, possono permettersi di essere coraggiosi: non hanno mica figli da sistemare!

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!