Pd casaranese. Venuti ha fatto i nomi

Nominata la segreteria del partito

Non ci sono state grosse sorprese tra le nomine di Remigio Venuti, responsabile locale del Partito democratico. Che ha scelto una decina di persone di fiducia, assicurandosi la maggioranza assoluta nell’esecutivo, lasciando agli altri (i seguaci di Claudio Casciaro, di Paolo Zompì e dell’ex segretario dei Ds, Rocco Morgante) almeno un posto di rappresentanza

Giovedì scorso, nel corso della convocazione del Coordinamento cittadino tenutasi nella sede di via De Donno, il responsabile locale del Partito Democratico, Remigio Venuti, ha nominato la segreteria della nuova formazione politica. I 16 componenti dell’esecutivo del Pd sono: Maria Sofia De Leo, Giulia Tenuzzo, Elena Tornese, Loredana Cocola, Paola Cavallo, Patrizia Toma, Cinzia Ferrari, Vera De Matteis, Cosimo Dei Baroni-De Rose, Aldo Rocco Torsello, Antonio Casciaro, Antonio De Matteis, Marco Nuzzo, Rocco Morgante, Claudio Casciaro e Franco Pisanò. Non ci sono state grandi sorprese. Il responsabile politico del Pd ha effettuato un’operazione di distribuzione proporzionale delle varie anime dei democratici casaranesi. Venuti, infatti, ha nominato una decina di persone di fiducia, assicurandosi la maggioranza assoluta nell’esecutivo, lasciando agli altri (i seguaci di Claudio Casciaro, di Paolo Zompì e dell’ex segretario dei Ds, Rocco Morgante) almeno un posto di rappresentanza. La formazione della segreteria politica rischia di creare problemi all’interno del maggiore partito della città. Il messaggio sull’”ondata nuova della politica italiana”, che da mesi Walter Veltroni lancia nelle piazze e nei teatri del Paese, a Casarano arriva appannato. A parte le donne, che per statuto devono far parte degli organi del partito, il resto della segreteria è infarcito di esponenti che masticano politica da decenni, come Antonio De Matteis e Claudio Casciaro, nomi storici della Democrazia Cristiana casaranese, entrambi ex consiglieri comunali ed assessori; come l’ex consigliere provinciale dei Ds, Franco Pisanò; come Cosimo Dei Baroni-De Rose, che ha fatto l’intero percorso di trasformazione del maggiore partito della sinistra, dal Pci al Pd; per non parlare dello stesso Venuti.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!