Servizi agli studenti. Il ponte tra Comune e Ateneo

Obiettivo biblioteche e servizi agli universitari

“Gli studenti devono essere parte integrante di qualsiasi percorso che li riguardi”. Paolo Perrone, sindaco di Lecce, ha discusso con gli studenti un progetto di collaborazione Comune-Ateneo

Reperimento di informazione e documentazione, supporto alle attività sociali degli studenti, organizzazione di manifestazioni culturali di interesse collettivo. Con questi tre obiettivi all’ordine del giorno il sindaco di Lecce Paolo Perrone ha incontrato ieri mattina a Palazzo Carafa i rappresentanti delle associazioni degli studenti dell’Università del Salento con i quali ha discusso di un progetto che Comune di Lecce e Ateneo salentino intendono realizzare per offrire una serie di servizi di qualità agli studenti. Si tratta, in particolare, della costituzione di un polo bibliotecario presso le Officine Cantelmo, in collegamento permanente con uno spazio allestito presso la Biblioteca Interfacoltà (presso la Biblioteca centrale di Ateneo) in modo da consentire la realizzazione di attività congiunte di prestito interbibliotecario, consulenza bibliografica al pubblico, agevolazione nella consultazione di materiali librari e documentari. Le sale previste presso i due contenitori conterranno spazi per la lettura dotate di postazioni informatiche e collegamento wireless per i fruitori e di applicazioni multimediali e di uno spazio per l’ascolto della musica. Alle Officine Cantelmo, inoltre, sorgerà una sala destinata agli studenti non vedenti con testi scientifici e culturali o di svago trascritti in Braille, oltre che di postazioni informatiche per la fruizione di materiali multimediali, ed uno sportello di consulenza ed accoglienza per lo scambio ed il reperimento di informazioni su alloggi e affitti e per l’inserimento di studenti stranieri o di quelli fuori sede. Sia la Biblioteca Interfacoltà che le Officine Cantelmo saranno utilizzate inoltre come contenitori di eccellenza per manifestazioni culturali, mostre e performances artistiche. Complementari al progetto sono infine attività di formazione del personale preposto ai servizi.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!