Casarano. La circonvallazione non parte

Il ricorso presentato al Tar da una società esclusa dall’appalto della Provincia

La nuova tangenziale avrà la forma di un semicerchio quasi perfetto con un tracciato di 10.700 metri, un viadotto di 244 metri e due cavalcavia. Ma la cantierizzazione dell’opera rischia di essere bloccata

Circonvallazione di Casarano senza pace. La cantierizzazione della nuova opera, decisiva per il futuro della città, rischia di essere bloccata. Dopo l’annuncio dei giorni scorsi relativo al via dei lavori per aprile, infatti, giunge ora la notizia di un ricorso al Tar presentato da una società esclusa dall’appalto della Provincia. Se il giudice amministrativo riterrà fondati i rilievi proposti, l’importante opera pubblica slitterebbe a data da destinarsi. Il “ConsCoop” (Consorzio fra cooperative di produzione e lavoro), con sede in Forlì, difeso dall’avvocato Adriano Tolomeo di Lecce, fonda il proprio ricorso su motivi attinenti all’impatto ambientale dell’opera. Il consorzio contesta l’esclusione operata a suo danno dalla commissione giudicatrice per aver imposto delle varianti al progetto originario. Il progetto del “ConsCoop”, al contrario di tutti gli altri ammessi al bando, adotta la soluzione di interrare i tratti viari relativi ad intersezioni con la linea ferroviaria o con altre strade. Il riferimento è al primo lotto della nuova circonvallazione che, per una lunghezza di circa 3 chilometri, collega la provinciale per Taurisano con quella per Taviano, a sud della città. Il tratto in questione comprende cinque rotatorie e due cavalcavia nei pressi della linea ferroviaria delle Sud-Est. In questi punti l’altezza dei viadotti previsti arriverebbe a sfiorare i 9 metri d’altezza con un impatto ambientale ritenuto non tollerabile dal Consorzio ricorrente che adotterebbe, invece, la soluzione dei sottopassi. Una decisione del Tar di Lecce è attesa già nei prossimi giorni. Se i giudici dovessero ritenere fondato il ricorso, concedendo la sospensiva, ne deriverebbe l’immediato stop al cantiere ancor prima del suo avvio. Tempi più lunghi richiederebbe la trattazione del merito della questione. Nei giorni scorsi era stata la Conferenza dei Servizi, convocata presso la Provincia, ad approvare il progetto esecutivo ed a prevedere per l’inizio di aprile la cantierizzazione dell’opera. L’intero progetto prevede una nuova strada che cinge a staffa di cavallo la città collegando la strada per Taurisano con la Maglie-Collepasso, nei pressi della zona industriale, facendo salva la Collina della Campana. La nuova tangenziale avrà la forma di un semicerchio quasi perfetto con un tracciato di 10.700 metri, un viadotto di 244 metri e due cavalcavia. Tredici gli svincoli previsti: dalla strada per Taurisano (uscita numero 13) a seguire per la provinciale di Ugento (12), quella per Melissano (11), per Taviano (10) per terminare con il collegamento sulla provinciale per Maglie-Collepasso.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!