Sulle orme dei messapi

Parte il progetto

“Sulle orme dei messapi” è la denominazione del percorso storico-culturale-ambientale, curato dall’Istituto Comprensivo Polo 3 e dall’Iiss Liceo Classico di Casarano

Il progetto si propone di valorizzare il nostro territorio attraverso un itinerario che riscopra le orme della civiltà messapica nella storia antica del Salento, nella quale si celano le radici della nostra identità culturale. Tale progetto espleterà anche una funzione sociale giovanile, creando condizioni che sappiano interrompere la routine della vita quotidiana e indirizzare le energie dei giovani verso il recupero del senso profondo di appartenenza al loro contesto sociale. In tal modo il progetto offrirà occasioni di riqualificazione professionale e di arricchimento dell’area degli hobby e organizzerà momenti di incontro e confronto tra ragazzi, giovani e adulti. I destinatari saranno gli alunni delle scuole proponenti e i loro genitori; la popolazione giovanile e adulta del territorio non scolarizzata o scarsamente secolarizzata; i ragazzi appartenenti a gruppi deboli; gli adulti che vivono in condizioni di disagio sociale per motivi economici e lavorativi. Le attività, iniziate ieri pomeriggio nei locali dell’Istituto Comprensivo Polo 3 in piazza San Domenico, termineranno alla fine di maggio con una rappresentazione teatrale sul tema, a cui potranno partecipare alunni, genitori e cittadinanza tutta. I dirigenti degli Istituti interessati, Concetta Amanti e Salvatore Giuliano, e le docenti responsabili, Anna Cesi e Anna Primiceri, hanno collaborato con il Comune di Casarano, in particolare con l’assessore alla Cultura, Claudio Pedone, con la responsabile dei Servizi Sociali, Antonella Ferraro, con Giuseppe Negro dell’Associazione Ascla, con Fernando Sammarco dell’associazione “Leoni di Messapia” di Lecce, con Paolo Schiavano del “Centro Studi Archeologico” di Ugento, con Silvia Civilla della Compagnia Teatrale “Terre-Mare” di Presicce.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!