Disservizi e degrado nelle marine leccesi. Pankiewicz interpella Perrone

Molo Adriano, porto turistico di San Cataldo e abbandono di strutture e infrastrutture. Nonostante “l'inerzia e l'immobilismo della Giunta leccese” – dice il consigliere – “i cittadini attendono da anni una risposta”

Il consigliere comunale di Lecce, Wojtek Pankiewicz del Centro moderato – Partito della Nazione, ha rivolto al sindaco, Paolo Perrone, ai sensi dell’articolo 55 del Regolamento, un’interpellanza su disservizi, disfunzioni e degrado che regnano a Frigole e nelle altre marine leccesi. Per l’occasione, il consigliere ha anche chiesto che fine abbiano fatto la realizzazione del porto turistico di San Cataldo – in passato tanto sbandierato – e la proposta di recupero del Molo Adriano. Pankiewicz, pochi giorni fa, racconta di aver incontrato una folta delegazione di abitanti di Frigole, i quali lo hanno informato che da tre anni, nonostante ripetute segnalazioni, non riescono a ottenere riscontri positivi in merito alle questioni che pongono. Le segnalazioni 1) lo stabile precedentemente adibito come impianto di idrovora versa in stato di completo abbandono. E’ fatiscente, a rischio crollo, per cui si rende necessaria la messa in sicurezza, onde evitare pericoli ai cittadini 2) i canali sono nel degrado, per cui quando piove esondano provocando danni. L’inefficienza delle idrovore favorisce gli allagamenti in tutti i poderi viciniori 3) molte strade sono prive di marciapiedi e invase da sterpaglie che costringono i pedoni a camminare a centro strada con i conseguenti pericoli 4) un’alta percentuale di abitazioni è priva di numero civico, il che crea dusfunzioni nel recapito della corrispondenza “Considerato che anche abitanti delle altre marine si sono rivolti a me – dice Pankiewicz – per lamentare degrado, sporcizia e disservizi, che in passato il sindaco ha sbandierato ai quattro venti l’ormai prossima realizzazione del porto turistico di San Cataldo, anche per realizzare “collegamenti e servizi stabili con Grecia e Albania”, che ho, tempo addietro, formalizzato la proposta di recupero del Molo Adriano che, tra l’altro, per il suo valore storico e culturale attirerebbe tutto l’anno scolaresche da ogni parte d’Italia e che finora la Giunta Perrone ha brillato per la sua inerzia e il suo immobilismo, ho chiesto se e cosa il sindaco intenda fare per risolvere concretamente almeno qualcuno di questi problemi, dato che la consiliatura ormai volge al termine”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!