Vivere in affitto. Arrivano i contributi

Finanziati ben 77mila euro

Poco più di 77mila euro da destinare quale sostegno all’accesso alle abitazioni condotte in locazione per l’anno 2006. A beneficiarne saranno i proponenti delle 71 istanze che verranno accolte

Si tratta di contributi concessi a chi vive in affitto ed ha partecipato al relativo bando. Rispetto all’anno precedente i fondi hanno avuto un incremento di circa il 40%, così come il numero delle domande presentate. In particolare, le somme assegnate dalla Regione Puglia a titolo di contributo erano pari ad € 39.070,00 a cui si sono aggiunti € 6.000,00 a titolo di compartecipazione del Comune e € 32.222,70 quale premialità concessa dalla Regione. “Sono risultati importanti – ha dichiarato il sindaco Antonio Vaglio – anche perché si tratta di fondi che vanno ad integrare il bilancio di chi vive in affitto e non versa in condizioni agiate. Nardò è stato uno dei pochi Comuni ad ottenere somme anche a titolo di premialità e l’aumento sia delle domande che dei contributi dimostra l’esigenza di prestare particolare attenzione anche alle famiglie che vivono in abitazioni in affitto e che sono costrette a pagare somme che incidono notevolmente sul bilancio familiare”. “Il forte aumento delle domande e delle somme messe a disposizione – ha dichiarato l’assessore ai Servizi sociali, Carlo Falangone – è importante non solo in termini assoluti, ma anche perché sta ad evidenziare un processo di emersione dei contratti di affitto in nero. Quanto alla premialità ottenuta da parte della Regione Puglia, sicuramente è la testimonianza evidente del buon lavoro svolto dagli Uffici comunali”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!