Repubblica Salentina approda in Africa

Le t-shirt, i calendari e gli adesivi della “res publica” salentina ai bambini africani tramite il gruppo di Gallipoli guidato da Giovanni Primiceri

Sono partiti oggi per raggiungere la Tanzania i volontari dell'associazione “Arcobaleno su Tanzania” (www.arcobalenosutanzania.isgreat.org). Sono in missione per dare supporto alla base logistica che già da alcuni anni si è stabilita in Africa a supporto della popolazione locale. Ma in questo viaggio i volontari si stanno portando appresso un pezzo di Salento, anzi, diversi “pezzi”. Nelle valigie in volo, infatti, hanno trovato spazio alcune magliette appositamente realizzate dai ragazzi dell'Istituto Costa di Lecce per i bambini africani, hanno sì l'ormai famoso stemma della “Repubblica Salentina” ma sono anche contraddistinte con il tricolore e la scritta “Italia” per marcare bene il territorio da cui provengono. E' giusto un piccolo dono per questi bambini, serve a far capire loro che a migliaia e migliaia di chilometri ci sono ragazzi italiani, e prescisamente salentini, che li pensano e che vogliono farsi sentire vicini. Oltre alle t-shirt, arriveranno in Tanzania anche gli adesivi della Repubblica Salentina e gli ultimissimi calendari sulla “Salentoterapia” che, essendo tradotti anche in inglese, potranno essere utilizzati sia dagli italiani che operano presso la missione che da tutti i residenti. Ricordiamo che l'associazione “Arcobaleno su Tanzania”, presieduta da Giovanni Primiceri, non ha fini di lucro, opera tra il Salento e lo Stato africano e si propo¬ne di perseguire finalità di solidarietà civile e sociale. Essa svolge la propria attività nei settori della promozione della cultura e della sensibilizzazione sociale, della beneficenza, dell'istruzione e della formazione. L'associazione in questi ultimi anni ha promosso azioni di volontariato, di intervento economico e svi¬luppo umanitario, ha organizza attività sociali e culturali per sostenere quanti vivono nella condizione di marginalità.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!