Medici pediatri e visite a domicilio

Sbagliato comportamento dei medici

Come si comportano i medici pediatri in seguito ad una richiesta per una visita a domicilio? Rocco Boccadamo riflette sulla questione

Alla luce di ripetute esperienze vissute, da diversi anni a questa parte e anche recentemente, da miei familiari, parenti e amici, sono a conoscenza che i medici pediatri sia quelli assegnati nell’ambito del servizio sanitario nazionale, sia quelli scelti privatamente e a integrale pagamento di fronte alla segnalazione di bambini ammalati, o indisposti, o con febbre e alla conseguente richiesta di una visita domiciliare, frappongono difficoltà, in pratica un rifiuto, adducendo di essere sovraccarichi di lavoro e, novantanove volte su cento, di ritenere, comunque, del tutto superflua la trasferta a casa dei clienti. Si limitano, insomma, a fornire telefonicamente qualche suggerimento o prescrizione di farmaci. Se qualche mamma, o papà, insiste per poter, quantomeno, portare il piccolo paziente presso lo studio ambulatoriale, detti specialisti passano senza indugio a scoraggiare l’iniziativa, arrivando, addirittura, a definirla rischiosa (infezioni ecc. ecc.) stante la presenza, ivi, di numerosi altri ammalati, magari per ragioni più gravi. Siffatta condotta da parte d’operatori medici, quando c’è di mezzo la salute, lo star bene di creature in tenera età, non mi sembra né ortodossa, né opportuna: salvo, beninteso, eventuali, plateali casi d’eccessi o abusi nel ricorso al medico, quelli sì, evidentemente, da combattere e da stroncare, atteso l’elevatissimo costo della sanità pubblica. Gradirei sapere se la Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici è informata di tale comportamento dei pediatri e qual è la sua opinione al riguardo. Rocco Boccadamo

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!