Cinque colpi contro i vigili

Nuovo atto intimidatorio in città

Non si esclude alcuna pista. Anche se Surbo è priva di amministrazione comunale non si può scartare l'ipotesi che i cinque proiettili esplosi contro la porta di ingresso della stazione dei vigili fossero un atto intimidatorio contro il Comune

Gli inquirenti non escludono collegamenti con gli attentati che si sono susseguiti tra fine 2006 ed inizio 2007. Allora, bersaglio delle intimidazioni fu Antonio Cirio, a quel tempo sindaco di Surbo. Oggi ancora non è chiaro chi i malviventi volessero colpire. Perché la città non ha più un’amministrazione: il sindaco ha rassegnato le sue dimissioni poco più di un mese fa. Fatto sta che nella scorsa notte qualcuno ha preso di mira la porta di ingresso del comando di Polizia municipale, esplodendo cinque colpi di pistola calibro 38. I proiettili sono stati trovati in corrispondenza dei fori nel legno del portone da Salvatore Caretto, comandante facente funzione. Tante le ipotesi al vaglio dei carabinieri. Intanto il commissario prefettizio ha chiesto la massima allerta.

Leave a Comment