An in favore dei disabili

Ugo Lisi a Roma

Nella giornata di oggi, Ugo Lisi, deputato di Alleanza nazionale, ha sfilato nel corteo organizzato a Roma dal coordinamento nazionale famiglie di disabili gravi e gravissimi

La manifestazione è partita da piazza della Repubblica e si è conclusa in piazza Venezia dopo essere passata dinanzi ai palazzi della politica. Ciò che il coordinamento nazionale famiglie di disabili gravi e gravissimi chiede al prossimo governo, tecnico o politico, oggi oppure all’indomani delle elezioni, è una cosa molto semplice: dare vita ad una legge che faciliti il prepensionamento dei familiari di disabili gravi e gravissimi. Purtroppo, la rete dei servizi sociali territoriali nel nostro Paese non funziona. Così, le famiglie sono le uniche che da sole devono far fronte alle disabilità dei propri cari. Non è facile andare a lavorare sapendo che i propri figli disabili non hanno nessuno che può occuparsi di loro con costanza e con disponibilità assoluta. Il prepensionamento è l’unica risorsa possibile e certa per venire incontro a questi nuclei familiari ed un Governo che si rispetti non può tirarsi indietro dinanzi a questo obbligo morale. “Mi sono battuto a lungo nel corso di questa Legislatura – sostiene Lisi – per fare in modo che il Parlamento approvasse una legge nella direzione delle richieste del COORDINAMENTO NAZIONALE FAMIGLIE DI DISABILI GRAVI E GRAVISSIMI. Le ristrettezze economiche oggettive e la politica di Padoa Schioppa hanno tuttavia sempre rivisto al ribasso le necessità economiche di cui abbisogna tale provvedimento normativo. Spero proprio che il prossimo Governo saprà dare l’input e la spinta giusta, perché su tutto si può risparmiare e fare economia tranne che su queste azioni sociali. Se penso al tempo inutile che la politica perde per dare vita ad alchimie elettorali di ogni tipo mentre non si ferma per approvare leggi di grande impatto sociale, riesco a comprendere davvero la vita facile che hanno i tanti Grillo che stanno nascendo nel Paese.”

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!