ECUMENES. Un workshop in Grecia

Creare un centro rete

Si terrà martedì 29 e mercoledì 30 gennaio 2008 presso l’auditorium del Comune di Preveza (Grecia) un workshop nell'ambito del progetto ECUMENES (Eredità Culturali del Mediterraneo nelle Eccellenze Storico-Architettoniche). Lo scopo è costruire un CENTRO RETE ECUMENES con il compito di raccogliere istanze e progetti dei soggetti aderenti

Al workshop parteciperanno pubblici amministratori, rappresentanze diplomatiche, istituti di ricerca, istituti scolastici, imprese ed associazioni di spettacolo, enti di promozione turistica, agenzie di sviluppo locale, agende 21, soggetti che potranno tutti aderire al Centro Rete Ecumenes. La creazione del Centro prevede dapprima la simulazione operativa del funzionamento del Centro in un arco di tempo limitato (sei mesi) e a conclusione del progetto il pieno avvio delle attività istituzionali finalizzate alla stabilizzazione della collaborazione e delle coproduzioni fra Italia e Grecia. Il workshop produrrà un documento di indirizzo preliminare sulla cooperazione. Martedì 29 Luigi Pisanò, presidente dell'Istituto di Culture Mediterranee della Provincia di Lecce, saggista e critico letterario, interverrà sul tema Il mito di Prometeo alle origini della civiltà mediterranea. Oltre a Pisanò parteciperanno dalla Puglia, Stefania Caione dell'Azienda di promozione Turistica di Lecce, Riccardo Carbutti direttore artistico del Festival Casteldeimondi Andria, Luigi Mazzei, Provincia di Lecce, Alessandra De Mattia, Regione Puglia, Franco Ungaro coordinatore del progetto Ecumenes. Per la Grecia vi partecipano Martin Kreeb, Università di Patrasso; Iphigenia Georgopoulou, Ministero della Cultura della Repubblica Ellenica; Photini Papahatzi, Arts Management, Antenna Culturale di Preveza- Europe of Culture Forum; Georgios Riginos, archeologo; Ioannis Panousis, storico del teatro; Georgios Kokkonis, musicologo; Anna Barkouzou, danzatrice; Kostas Kalentzis, critico d'arte. Info:0832/242000 [email protected]

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!