Novoli oggetto dell'evento 2008

Assegnato il primo premio

E’ stato assegnato a Luciana Cera, alunna del Corso Serale (sezione Ceramica) dell’Istituto Statale d’Arte “Pellegrino” di Lecce il primo premio di 600 euro del concorso “L’oggetto dell’evento 2008 della Focara di S. Antonio” a Novoli

Dopo un’attenta valutazione la commissione giudicatrice del Concorso ha deciso di attribuire il piazzamento più alto all’allieva di Salvatore Mazzotta, docente del laboratorio ceramica del “Pellegrino di Lecce”. Il tema di questa prima edizione era la decorazione dell'oggetto in ceramica che storicamente si è identificato con la Festa: l’anfora/bottiglia di terracotta “Lu cuccu” dedicata a Sant'Antonio Abate, utilizzata, in passato, anche per contenere il Moscato di Novoli, vino dolce da uva passita, che accompagna tutt'ora il dopo pasto dei novolesi nei giorni della Festa. “Questo ulteriore riconoscimento – ha dichiarato il dirigente scolastico dell’Istituto d’Arte di Lecce, Mario Biagio Portaccio – è per tutti noi motivo di soddisfazione perché un altro trofeo si aggiunge nella bacheca dei premi del ‘Pellegrino’. Ma questo primo posto assume i contorni della straordinarietà perché è stato vinto da un’opera realizzata da un’allieva del corso serale. Sappiamo tutti – ha proseguito Portaccio – che i corsi serali sono frequentati da studenti adulti e lavoratori e che i nostri sono stati istituiti solo da un anno. Ha il profumo di record questa vittoria e soprattutto ci conferma che il lavoro dei nostri laboratori produce i frutti sperati”.Una menzione speciale la Commissione giudicatrice l’ha riservata ad altri due allievi del “serale”: Martino Greco e Antonella Rizzo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!