Pagliaro.“Attivare al Fazzi l’assistenza programmata ospedaliera”

Aperto il convegno sui tumori ginecologici

Alfredo Pagliaro, assessore all’Igiene, Sanità, Randagismo e Qualità della Vita del Comune di Lecce è intervenuto nei giorni scorsi all’apertura dei lavori del convegno sul tema dei tumori ginecologici che si è svolto presso l’Hotel Patria di Lecce

L’assessore Pagliaro ha inteso ringraziare del buon lavoro svolto gli operatori dei reparti di Oncologia e Radiologia del presidio ospedaliero “Fazzi” e ha chiesto al commissario della Asl Rodolfo Rollo che si possa attivare a Lecce un servizio di Assistenza Programmata Ospedaliera. Il servizio, che rappresenterebbe una novità in ambito nazionale, prevede che i pazienti ricoverati in Oncologia possano continuare ad essere seguiti nell’assistenza anche dal proprio medico di medicina generale. Ciò in quanto il medico di base è l’unico che conosce la storia clinica del paziente è può in tal senso dare il suo valido contributo al tavolo interdisciplinare creato dalla ASL per l’assistenza ai pazienti colpiti da patologie tumorali. A tal fine, per garantire e supportare la partecipazione del medico di famiglia, si dovrà attivare un’organizzazione che, partendo dall’Oncologico, possa poi estendersi anche ad altri reparti ospedalieri. Il commissario Rollo, preso atto della richiesta e condividendone l’importanza e l’innovazione, ha fatto sapere che si dovrà studiare il sistema adatto per attivare il servizio di assistenza programmata ospedaliera. La stessa richiesta verrà avanzata dall’assessore Pagliaro al Presidente Nazionale di Medicina Generale, al Presidente dell’Ordine dei Medici, al Presidente della Regione e all’Assessore Regionale alla Sanità.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!