Scarlino on the road

Tommy è pronto per la partenza

È partito sabato scorso da Piazza Sant’Oronzo a Lecce, l’Ape Car del Salumificio Scarlino. L’Ape attrezzato per la somministrazione esclusiva di hot dog in tutte le ricette ha un solo nome, Tommy

È stato presentato alla stampa ed alle autorità invitate (il Sindaco Paolo Perrone, il Presidente della Camera di Commercio di Lecce Alfredo Preite, il Presidente di Confindustria Lecce Piero Montinari), il primo esemplare di Tommy Car. Il progetto “APE CAR” rappresenta per il Salumificio Scarlino l’opportunità di dare vita ad una nuova realtà, una nuova iniziativa imprenditoriale in grado di trasferire la storia e i contenuti di un’impresa che, ad oggi, rappresenta un esempio di eccellenza in Italia. Importare il concetto statunitense di “street food” e creare una rete di affiliazione sotto un unico brand mediante una capillare attività itinerante di veicoli debitamente attrezzati ed allestiti. Per questo Ape Car non è solo un “chiosco” per la vendita ambulante di hot dog ma uno stile, una filosofia ed un approccio che devono valorizzare le peculiarità e il carattere innovatore della Scarlino. Il Salumificio Scarlino, che ha chiuso il 2007 con una crescita del + 5% in volume prodotto ( +25% negli ultimi 5 esercizi), apre il nuovo anno con l’idea di creare una flotta di “APE CAR” con una propria identità, immagine, positioning diffusa su tutto il territorio italiano per diffondere un nuovo stile di vendita di hot dog attraverso la valorizzazione di plus come l’italianità, la sicurezza alimentare, la creazione di un nuovo modello di aggregazione di persone, stili, culture e la sperimentazione di nuovi canali di vendita “ Scarlino on the road”. Dal puro suino al pollo, dal Servelade in budello naturale al Bratwürst bianco senza conservanti, tutti gli appassionati e non dell’hot dog troveranno il tipo ed il gusto preferito.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!