Barba. “Chi vuole affossare Gallipoli?”

L'ex sindaco difende la sua città

Vincenzo Barba, ex sindaco della città di Gallipoli difende la sua città dai possibili attacchi provenienti da altri enti

di Vincenzo Barba* Se, come dice Giuseppe Coppola, esista una chiara “volontà politica della Provincia di Lecce di affossare la città di Gallipoli”, appare a tutti evidente, tranne che al personaggio in questione, che tale volontà di danneggiare la “Perla dello Jonio” è certamente inferiore alla sua che, mentre accusa strumentalmente gli altri di disinteresse, ha pensato bene di interessarsi tanto alla nostra città da far cadere la Giunta guidata dal Senatore del suo partito. Il Coppola ha avuto tanto a cuore la città di Gallipoli che…ha preferito farla governare da un commissario piuttosto che da chi era stato scelto dagli elettori per portare efficienza e managerialità nella gestione della cosa pubblica, mettendo al bando gli inciuci e le pastette di chi era abituato a tenere i fili dei burattini senza mai esporsi in prima persona e governando attraverso la longa manus di amici, parenti e sodali. Ci vuole davvero una faccia di bronzo a meravigliarsi che chi governa tenda in maniera particolare verso il territorio da cui proviene. A chi vuole che si interessi l’Assessore Durante? Agli amici di Coppola? A chi vuole che si interessi l’Assessore Manieri? Ai problemi personali di Coppola? A chi vuole che si interessino gli altri assessori provinciali? Alle questioni di “Casa Coppola”?. E nella sua passata gestione assessorile, a chi si è interessato Coppola? Non scherziamo…È fisiologico che chi ha il privilegio e la responsabilità di governare abbia naturalmente un occhio particolare per le cose che gli sono più vicine e che conosce meglio. Coppola, invece, è uno di quei pochi che, alla stregua di Nerone, ha amato mettere fuoco alla sua città. E tanto ha fatto che ha preferito capeggiare la congiura contro Barba piuttosto che lavorare sodo per contribuire alla rinascita di Gallipoli e, da protagonista, al suo governo. Non guardi la pagliuzza nell’occhio degli altri quando una trave offusca il suo! I cittadini di Gallipoli non sono serbatoio di nessuna clientela e sanno perfettamente come e a chi dare fiducia senza farsi prendere in giro e non pensi di illudere nessuno con le continue, improvvise, estemporanee ed inopportune uscite sui giornali. Ognuno faccia il suo, per come il proprio talento e il proprio acume consigliano, provando, se proprio non riesce a dare una svolta alle cose, a non essere di impedimento a chi, invece, ha intuito e carisma per farlo, senza porsi d’intralcio, nel presente e nel futuro, sulla via della buona amministrazione di cui tanto c’è bisogno e di cui tanto necessita, veramente…, Gallipoli. * ex sindaco di Gallipoli, Senatore della Repubblica

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!