Che spreco!

Contro il Messina i giallorossi no riescono ad andare oltre al pareggio a porte inviolate

Il campionato è ripreso ma il Lecce non ha risposto ancora alla chiamata. Assente ingiustificato al Via del Mare, spreca diverse occasioni di andare in vantaggio contro una squadra dimezzata dalle assenze e con aspirazioni da salvezza. In molti si aspettavano, giustamente, molto di più

Un Lecce sprecone quello visto oggi al via del mare, e comunque molto lontano da quello grintoso e ben messo in campo che aveva giocato una gran bella partita nel derby contro il Bari, nell’ultima gara prima della pausa natalizia. I giallorossi partono bene e subito, infatti no è ancora trascorso il primo minuto di gioco che la prima occasione viene servita da Tiribocchi ad Abbruscato che va in rete ma da posizione in fuorigioco e dunque a di fatto. I siciliani si avvicinano un paio di volte a Benussi ma si vede subito che la loro gara sarà tutta impostata sulla difesa, una scelta “quasi” criticata da Papadopulo in sala stampa, perché sacrifica il bel gioco. Al 9’ è ancora Lecce e di nuovo Abbruscato che, in area, colpisce di testa e sbaglia di poco. Prima di rivedere un’azione degna di nota bisogna aspettare il 23’ quando Pestrin ci prova dalla distanza ma non sorprende l’estremo difensore giallo rosso, poi Mihoubi serve un cross perfetto e centrale a Cottafava che colpisce di testa ma Manitta in estensione alza sopra la traversa. Il Lecce inizia a mostrare molte falle e soprattutto a perdere palla con lanci lunghi poco efficaci e precisi. Al 35’ Angelo, sugli sviluppi di un corner, tenta il tiro di potenza dalla distanza ma ancora una volta Manitta para (strepitosa la gara del portiere). Alla ripresa il ritmo è ancora più lento. Ci prova un po’ il Messina stavolta: al primo minuto la prima azione a firma di Cordova che tenta il tiro di fuori e manda di poco a lato e poi al 10’ sul corner battuto da Cordova, Stendardo colpisce di testa ma la mette fuori. Si rivede il Lecce prima con Zanchetta con un tiro dalla distanza parato da Manitta e risponde il Messina con Stendardo che di testa impegna Benussi che alza sulla traversa. Al 26’ Papadopulo chiama fuori Zanchetta per Valdes e tutti si aspettano (come accadeva qualche tempo fa…) che la partita possa cambiare. Le previsioni c’erano quasi, perché dopo una serie di cambi ed un palo sfiorato da Tiribocchi al 39’ il signor Tommasi assegna un rigore ai giallorossi per un fallo di mano in area avversaria ed a presentarsi sul dischetto è proprio il cileno, che carica bene ed esegue male. Manitta para ed il Lecce spreca la più chiara e limpida delle occasioni di questa gara. Da qui in poi non c’è più gara (e molta non ce ne è stata neanche prima) e si va lisci lisci fino al triplice fischio ed al terzo tempo, quello del fairplay.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!