Un sindaco denuncia la chiesa

Altro caso di maneggio di proprietà

Ancora un altro caso di denuncia. Questa volta è un sindaco a lamentarsi dei maneggi di proprietà rigurdo a beni concessi alla chiesa

Ai perseguiti locali casi di pedofilia, alla condanna del braccio-destro del capo dei vescovi pugliesi, per la gestione di un Centro-immigrati, al conflitto aperto dal sindaco di Acquaviva delle Fonti (BA) contro il vescovo, “governatore” del locale Ospedale-Opera Pia, si aggiunge ora la contestazione del sindaco di Cisternino (BR) contro le suore del posto, per la decisione di alienare uno storico palazzo, donato loro col vincolo di celebrare messe e divieto di vendita. Quasi simile la denuncia ad Acquaviva: l'irregolare accatastamento da parte del vescovo di beni inalienabili dell'Opera Pia, oltre all'affidamento di appalti ad una società mista interna, aggirando l'obbligo di gara e i livelli di razionalizzazione della spesa, richiesto dalla Regione. Casi finora unici, di “Primi Cittadini” pugliesi che non favoriscono e lasciano libera la “mano” del clero e che il coordinamento regionale dei circoli dell'Uaar riconosce ed apprezza. La dignità laica, l'autonomia politica e l'etica pubblica fanno “sana” la nostra democrazia. A questi principi vorremmo si ispirassero ordinariamente le nostre istituzioni a tutti i livelli. Giacomo Grippa UAAR, unione degli atei e degli agnostici razionalisti, Puglia

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!