L'amore di un prete per una donna sposata

Distrutta una famiglia

E' giusto non permettere ai preti il matrimonio? Quali poi le conseguenze di tale proibizione? Una riflessione da parte di un nostro lettore

Nella bianca Ostuni (BR) un coniuge accusa la moglie di relazione con un sacerdote accusandoli di aver distrutto l'armonia familiare. Le prove ritenute incontestabili, non solo per i costosi regali del prete alla figlia, ma soprattutto per i messaggi altamente confidenziali inviati con SMS alla donna, poi scoperti dal marito. Rinvenute pure le preghiere della bambina a Gesù per la salvezza della sua famiglia. La storia ripresenta, tra l'altro, il secolare problema dell'innaturale celibato imposto ai preti con tutte le inevitabili, gravi conseguenze che si registrano sul loro comportamento. Come si ricorderà, fino all'XI sec. i sacerdoti si sposavano, problema affrontato durante il Concilio Vaticano II, poi affossato con la creazione di una commissione di studio, ancora in piedi. Certo la sessuofobia è la componente di ogni confessione, dura a morire, ma oggi appare sempre più insostenibile e indifendebile. Giacomo Grippa, Uaar – circolo Lecce

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!