Terremoto in Grecia. Trema la Puglia

La scossa è stata avvertita alle 6.15 di ieri mattina

Nonostante la violenza (6,5 gradi della scala Richter), la scossa non ha provocato danni ingenti dal momento che si è sviluppata a ben 70 chilometri di profondità. L'intera Puglia l'ha avvertita

I salentini si sono svegliati presto, ieri mattina. Alle 6.15 per la precisione. Quando hanno avvertito le scosse del terremoto che si è sviluppato nella vicina Grecia, il Paese europeo con l’attività sismica più elevata. Qualche muretto crollato, qualche albero caduto. Nessun danno alle persone. L’epicentro del sisma è stato individuato in Leonidio, nella zona sud-orientale del Peloponneso, che dista circa 150 chilometri da Atene. Nonostante la violenza dell’evento (6,5 gradi della scala Richter), questo non avrebbe provocato danni preoccupanti dal momento che si è avvenuto molto in profondità nella terra: oltre 70 chilometri. In Salento le telefonate al 118 si sono susseguite con ritmo frenetico nelle prime ore della mattinata: i vigili del fuoco hanno risposto a circa 100 chiamate subito dopo l’alba. Pare che non si siano verificate, per il momento, altre scosse di assestamento.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!