Festa per Sant'Antonio

Al via il programma religioso

Sono partiti ieri i festeggiamenti religiosi per S. Antonio Abate a Novoli. Al centro della festa la devozione e la tradizione, con un occhio verso i giovani

“La nostra comunità cristiana si raccoglie in preghiera per celebrare nella maniera migliore un grande Santo – dice don Giuseppe Spedicato, parroco di S. Antonio Abate – In questi giorni di preparazione alla festa siamo chiamati a riflettere e seguire il suo insegnamento, fatto di preghiera, silenzio e povertà. Antonio invita l’uomo di ieri, di oggi, di sempre a liberarsi dalle tante frenesie della vita moderna per essere ricchi soprattutto di fede. Siamo tutti bisognosi di verità, di speranza, di carità, e quando l’uomo avverte il bisogno di Dio, a lo fermerà nel cammino per incontrarlo”. Tante le opportunità offerte nel corso della novena, che sarà predicata da padre Francesco La Vecchia, superiore del convento dei Domenicani di Parabita. Fitto il calendario delle celebrazioni liturgiche. Dal 7 al 15 gennaio quattro messe al giorno: alle 7.30, 9, 16.30 e 18. Poi gli incontri di preghiera con le famiglie, gli studenti, i settori della società civile, fino ad arrivare al grande incontro con i giovani del 15 gennaio, alle ore 20, guidato da mons. Domenico Sigalini, assistente nazionale dell’Azione cattolica e già responsabile del Servizio nazionale di Pastorale Giovanile della Cei, cui seguirà un concerto dei Lev Effatha. Quindi gli appuntamenti tradizionali del 16, con la benedizione degli animali e la processione, del 17, con la solenne concelebrazione eucaristica delle ore 10 presieduta da Mons. Cosmo Francesco Ruppi, vescovo di Lecce. Un fitto programma, quindi, organizzato con cura dalla Parrocchia S.Antonio Abate, per permettere ai novolesi e ai tanti devoti di rendere omaggio a Sant’Antonio Abate. “In tanti raggiungono Novoli per visitare la Chiesa, pregare il Santo e “vedere la festa” – continua don Giuseppe Spedicato – Molti si confessano, fanno la comunione; molti pregano e implorano grazie: tanti si confrontano con il santo Abate, e cercano di cogliere dalla sua vita gli impulsi di carità e di pietà che hanno sempre caratterizzato l’esistenza terrena dell’anacoreta della Tebaide. S. Antonio –aggiunge – è un santo così lontano nel tempo, ma tanto vicino alla nostra età e alla presente generazione, perché ha molto da dire e insegnare all’uomo di oggi. Un santo che ci invita a pregare, a cogliere l’essenziale della vita cristiana, a dare ai beni terreni l’esatta valutazione del Vangelo, a trasformare i propri beni in gesti di carità. Il mio auspicio di parroco e l’augurio che sento di dover rivolgere a tutti i devoti e pellegrini che visiteranno il Santuario è che attraverso la loro sincera devozione a S. Antonio sappiano e vogliano incontrare Cristo, la via, la verità e la vita per ogni uomo”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!