Seconda serata per il teatro dei luoghi

In scena Burambò, Martines e Bandadriatica

Secondo appuntamento questa sera al Cavallino Bianco di Galatina nell’ambito del progetto teatro dei luoghi, spettacolo e cultura nel paesaggio europeo promosso da Regione Puglia, Comune di Galatina, Comune di Cutrofiano e Cantieri Teatrali Koreja di Lecce

Continua la manifestazione teatro dei luoghi con le videoproiezioni a cura di Fabio di Salvo e Bruno Capezzoli che accompagneranno la serata trasformando la facciata del Cavallino bianco di Galatina in suggestivi e sorprendenti scenari in cui spazio e architetture, testo, corpo, musica e immagini si mescolano senza sosta con l’obiettivo di tracciare percorsi nuovi e vitali, legami fra apparato urbano e cultura. Alle ore 16.30 si parte con lo spettacolo per ragazzi “altrimenti arriva l’uomo nero” della Compagnia Burambò A seguire alle ore 19 i soffi stereofonici del teatro di poesia di Massimiliano Martines in un reading/concerto di microstorie scritte da Massimiliano Martines per la scena e per il canto, col prezioso supporto del compositore e chitarrista Simone Previati. Ultimo appuntamento della serata alle ore 21.00 con il concerto della Bandadriatica. Con “Contagio” Bandadriatica propone composizioni articolate, frenetiche e lente marce che s'intrecciano in un cammino impervio. Bandadriatica è formata da: Claudio Prima, organetto e voce; Emanuele Cosuccia, sax tenore e soprano; Redi Hasa, violoncello; Andrea Perrone, tromba; Vincenzo Grasso, clarinetto e sax tenore; Gaetano Carrozzo, trombone; Domenico Zizzi, tuba; Ovidio Venturoso, batteria. Si accede agli spettacoli con invito da ritirare presso: Sportello IAT Galatina via Vittorio Emanuele – Tel. 0836/569984 Info: Cantieri Teatrali Koreja 0832/242000.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!