“Puntiamo sulla cultura della sicurezza”

La necessità di considerare il lavoro come valore

“Occorrono azioni concrete per fermare quella che ormai, nella provincia di Lecce, è una vera e propria carneficina”. Teresa Bellanova, vice capo gruppo in Commissione Lavoro alla Camera dei deputati, commenta l'incidente mortale avvenuto nei giorni scorsi presso l’azienda Filanto

Di Teresa Bellanova* L'ennesimo incidente sul lavoro in una provincia in cui il fenomeno è già allarmante. Occorre rispondere in modo deciso, passando dalla commozione e dall'angoscia ad azioni concrete. Usando fino in fondo gli strumenti che abbiamo, è necessario promuovere una nuova mentalità e una nuova cultura che rimettano davvero al centro della scena politica il lavoro come valore. Da questo punto di vista, gli organi di informazione e gli uomini di cultura hanno un ruolo fondamentale: dovrebbero affrontare di più e meglio questi temi, non delegandoli esclusivamente agli addetti ai lavori. Solo così può cambiare davvero anche il livello culturale delle imprese e dei lavoratori. Non solo: occorre vigilare affinché, a tutti i livelli, ognuno svolga al meglio il proprio dovere. Sul tema della sicurezza, il Presidente della Repubblica torna periodicamente a tenere alta l'attenzione, per il Governo questa è una delle priorità. Sarebbe semplicistico pensare che gli interventi legislativi siano sufficienti a fermare quella che è ormai una vera e propria carneficina. E' la cultura della sicurezza la chiave di volta per la prevenzione degli infortuni sul lavoro: l'impegno di farla crescere è di tutti. Non dimentichiamoci che migliorare la qualità del lavoro aumenta la competitività del sistema economico. *vice capo gruppo Commissione Lavoro Camera dei deputati

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!