Gallipoli. Sparatoria di via Scalelle. Rilasciato Oltremarini

Torna nuovamente in libertà il 23enne gallipolino

Dopo 15 giorni di carcere e 15 di arresti domiciliari, torna libero Davide Oltremarini. Il giovane si era sempre dichiarato estraneo ai fatti dello scorso ottobre

Rilasciato per “insussistenza dei gravi indizi di colpevolezza”. Così ha deciso il Tribunale del Riesame. E sono due. Perché questo copione Davide Oltremarini, 23enne di Gallipoli, l’ha già vissuto una volta. Dichiaratosi sempre estraneo alla sparatoria che ebbe luogo in via Scalelle, nella città gallipolina, a fine ottobre, il giovane era stato condotto in carcere il 2 novembre con l’accusa di concorso, insieme con Cristian Barone, nel tentato omicidio di Cristian Pisanello. Il gip non convalidò l’arresto, ma ne dispose la custodia in carcere, poi anata dal Tribunale del Riesame. Successivamente il pm chiese la custodia in carcere per Barone (per tentato omicidio di Pisanello), Marco Della Rocca (per concorso nel tentato omicidio) e lo stesso Oltremarini, accusato stavolta di favoreggiamento. Il gip, però, dispose solo per quest’ultimo gli arresti domiciliari, ai quali è stato effettivamente sottoposto dal 18 dicembre. Dopo 15 giorni di carcere e altrettanti di domiciliari Oltremarini è nuovamente libero. Stavolta, forse, in via definitiva.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!