5 denunciati per rissa e detenzione abusiva di armi

Aradeo. 5 persone sono state deferite con l’accusa di rissa aggravata, resistenza a pubblico ufficiale e detenzione abusiva di armi bianche

Aradeo. I militari delle Stazioni di Aradeo e Neviano hanno oggi deferito in stato di libertà cinque persone, C.J. 39enne, S.G. 20enne, D.L.D. 46enne, D.L.A. 25enne e P.C. 48enne con l’accusa a vario titolo, di rissa aggravata, resistenza a pubblico ufficiale e detenzione abusiva di armi bianche. Nella tarda mattinata di ieri i militari della Stazione di Aradeo sono stati chiamati nella zona dell’area del mercato settimanale della cittadina in quanto era stato riferito che alcune persone, dopo una discussione per motivi ancora da chiarire, erano passati dalle parole alle mani. Giunti sul posto i Carabinieri hanno potuto verificare che cinque persone si stavano picchiando in modo molto duro circondate da persone che, urlando, cercavano di riportarle alla ragione. Uno dei cinque, peraltro, aveva anche preso una catena d’acciaio con la quale colpiva alcuni degli altri soggetti. Avvicinatisi per sedare la rissa, i militari hanno potuto osservare come nemmeno la loro presenza fosse di freno per quelle persone che, anzi, hanno cercato di ostacolare il compito dei Carabinieri spintonandoli ed anche provando a colpirli in certi casi. Alla fine, comunque, i militari sono riusciti a separare e dividere i contendenti ed a portarli in caserma e, in alcuni casi, presso il Pronto Soccorso per le medicazioni. Durante i normali controlli effettuati in caserma, è emerso come uno dei cinque avesse delle armi legalmente detenute nella propria abitazione sita in Neviano. Queste armi, al fine di evitare che potessero venire usate in futuro in azioni ritorsive, sono state sottoposte a sequestro cautelativo. I Carabinieri della locale Stazione si sono quindi recati nell’abitazione del soggetto dove hanno potuto non solo trovare e sequestrare le armi legalmente detenute, ma hanno anche rinvenuto un vero arsenale. Il D.L.A., infatti, deteneva nella propria abitazione, senza averle denunciate, 5 spade, 6 machete, 9 pugnali, 3 asce con punta, 3 katane e 1 shuriken. Anche queste armi non denunciate sono state poste sotto sequestro a scopo probatorio ed il D.L.A. è stato deferito in stato di libertà anche per detenzione abusiva di armi bianche.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment