Porto Cesareo tutela l'ambiente

Un incontro con il sindaco

Gli assessori regionali Enzo Russo (Politiche Agroalimentari) e Michele Losappio (Politiche Ambientali) incontrano Vito Foscarini, sindaco di Porto Cesareo. In agenda l'analisi e le prospettive del parco terrestre “palude del conte e duna costiera”

A Porto Cesareo la tutela ambientale è sempre più in primo piano. Gli assessori Regionali all'Ecologia e alle Risorse Agroalimentari Losappio e Russo nella mattinata di domani, ore 11.00, saranno a Porto Cesareo per una verifica delle condizioni del Parco “Palude del Conte e duna costiera Porto Cesareo” proprio dopo gli ultimi atti di vandalismo ambientale repressi dalla costante e continua azione delle forze dell'ordine e sopratutto dei carabinieri che presidiano l'area vasta. A guidarli nella visita della particolare zona umida caratterizzata da macchia mediterranea il primo cittadino Jonico Vito Foscarini, impegnato a poco meno di due anni dal suo insediamento in una azione di tutela e salvaguardia ambientale passata per via di una stretta collaborazione avviata con le principali associazioni ambientaliste, da Legambiente ad Italia Nostra a tutte le altre riunitesi nel Cea (centro educazione ambientale) di stanza nella storica Torre di Torre Lapillo. L’incontro partirà con un'analisi dello stato dei fatti e de luoghi nei locali del Municipio cesarino, alla presenza del sindaco Vito Foscarini e delle autorità locali. Poi l'incontro consisterà in una sorta di effettiva verifica delle condizioni e della tutela del Parco “Palude del Conte e duna costiera Porto Cesareo”. A conclusione dell'incontro gli assessori, con il responsabile dell'Ufficio Parchi, Francesca Pace, e con il dirigente del Settore Agricoltura, Giuseppe Ferro, effettueranno un sopralluogo nell'area oggetto del taglio doloso dei pini di qualche giorno addietro. “Siamo lieti e felici – sostiene il sindaco – di accogliere gli assessori regionali Russo e Losappio. Questo è l'ennesimo segnale chiaro di come la nostra politica ambientale unitamente ai controlli sul territorio continui e costanti delle forze dell'ordine, abbiano di fatto cambiato l'immagine e la visione d'insieme dell'area vasta che caratterizza il nostro territorio comunale. L'ennesimo segnale chiaro ed inequivocabile di come Porto Cesareo stia cambiando il suo volto; da città emblema dell'abusivismo edilizio a comunità rivierasca impegnata a salvaguardare tutelare e sviluppare nuove politiche ambientali. E' chiaro che serve aiuto e sinergia tra le parti: Regione, Provincia, Comune e sopratutto cittadini e turisti devono essere in grado di camminare insieme in un unica e sola direzione”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!