2008. Chi è arrivato per primo

I “nuovi arrivi” dell’anno appena iniziato

Il primo posto se lo contendono Diego e Melissa, entrambi venuti alla luce alle ore 00.01 del 1° gennaio 2008. Per i loro genitori è stata una notte di Capodanno fuori dal comune

Chi è il primo nato in Puglia nel 2008? Melissa, che è nata un minuto dopo le 24 della scorsa notte all’ospedale di Galatina, o Diego, anche lui nato qualche manciata di decine di secondi dopo il fatidico cambio dell’anno presso il “Ferrari” di Casarano? Non lo sapremo mai, probabilmente. Per entrambi i piccoli, infatti – nati di parto spontaneo e con un peso quasi simile (3.100 kg. per Melissa; 3.300 kg. per Diego) – vale il referto ufficiale incluso nelle rispettive cartelle cliniche, firmato dai medici e dalle ostetriche che hanno assistito al parto. E sia per Melissa che per Diego l’orario ufficiale della nascita è il medesimo: ore 00.01 dell’1 gennaio 2008. Diego ha deciso che era arrivato il momento di affrontare la vita il pomeriggio di lunedì 31 dicembre. “I primi dolori li ho avvertiti verso le 18 e 30 – racconta la mamma, Anna Lisa Orlando – in un primo momento si sono calmati, poi sono ricominciati verso le 20 e non si sono fermati più. Alle 21 mio marito mi ha accompagnato in ospedale”. La signora è stata portata subito in sala parto e lì, assistita dal dottor Maurizio Torsello della divisione di Ostetricia diretta dal primario Francesco Scalpello, è rimasta fino a mezzanotte quando il bambino è nato ed ha emesso il primo vagito, proprio mentre fuori impazzava la baraonda fatta di botti e fuochi d’artificio che annunciava il nuovo anno. “Avevo troppi dolori per pensare se nasceva prima o dopo mezzanotte – rivela la mamma, operaia presso un’industria tessile – notavo mio marito che spesso guardava l’orologio e forse pensava che sarebbe stato bello farlo nascere in capo al nuovo anno”. Il padre del bambino è Alessio Ponzetta, da Taurisano, un ausiliario dell’ospedale di Tricase. La coppia, oltre a Diego, ha un altro figlio: Leonardo. “Devo ammettere che questa nascita mi ha coinvolto di più – commenta il papà – voglio approfittarne per ringraziare tutti quelli che hanno assistito al parto e tutto il personale del reparto”. Melissa De Matteis, occhi neri, è l’altro bimbo salentino venuto alla luce allo scoccare della mezzanotte all'ospedale “Santa Caterina Novella” di Galatina, assistita dal dottor Totaro, ginecologo della divisione di Ostetricia diretta dal dottor Vittorio Lagna. Dopo la nascita, il personale medico e alcuni dirigenti ospedalieri della Azienda Sanitaria hanno visitato il reparto Ostetricia per congratularsi con la famiglia della piccola Melissa e per consegnare a mamma Rossana un omaggio floreale. “E’ stata una notte indimenticabile – ha detto – un modo nuovo per festeggiare il 2008”. Se sul primo ci sono dubbi, non ce ne dovrebbero essere invece per il terzo nato in Puglia. È sicuramente Francesca nata la scorsa notte alle ore 01.52 sempre al “Ferrari” di Casarano (il personale di Ostetricia ha avuto un gran daffare la notte di Capodanno!). La piccolina, che all’atto della nascita pesava 3.120 chilogrammi, è figlia di Katiuscia Selluto e Rocco Cosimo Cugino di Melissano. Il quarto nato nella nostra regione viene segnalato in un ospedale di Bari due ore dopo la mezzanotte.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!