Palestra in attesa di restauro

Interrogazione al consiglio provinciale

La palestra dell’istituto Magistrale di via Torino a Gallipoli aspetta ancora interventi urgenti di restauro. È ormai trascorso oltre un mese dall’incontro tra Salvatore Capone, assessore provinciale allo Sport e all’Edilizia scolastica, e il dirigente scolastico dell’istituto

È evidente la necessità di effettuare dei lavori di manutenzione ordinaria della struttura sportiva per il tramite di AlbaService, oltre alla necessità di intervenire con i lavori di sostituzione del tappetino per i quali è necessario procedere a relativa gara d’appalto. Ma sino ad oggi nessun lavoro è stato avviato da AlbaService inerente la manutenzione ordinaria di competenza. Ovviamente tale situazione si riversa sulle società sportive di Gallipoli, che non possono svolgere regolare attività sportiva. Inoltre da quest’anno la palestra non è stata messa a disposizione delle associazioni sportive di pallacanestro, pallavolo e ping pong, una decisione assunta dal dirigente scolastico e dal consiglio d’istituto. Per questo, con una nuova interrogazione presentata al presidente del Consiglio provinciale, si è tentato di sollecitare una presa di posizione definitiva da parte della Provincia. Di seguito, in allegato, il testo dell’interrogazione urgente inviata all’assessore Salvatore Capone e a Sergio Bidetti presidente del Consiglio provinciale, con la quale si chiede di sapere, tra l’altro, se la Provincia intenda attivarsi per consentire l’uso della palestra alle società sportive di Gallipoli che ne hanno fatto richiesta; se si intende effettuare i lavori di manutenzione ordinaria per il tramite di AlbaService nel corso delle vacanze natalizie per non inficiare l’attività scolastica durante lo svolgimento delle lezioni e se, in assenza di soluzione immediate, si intenda almeno garantire alle stesse società sportive locali la copertura finanziaria necessaria per l’utilizzo di eventuali altri impianti sportivi.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!