Dimmi che pane mangi

La campagna avviata dal Comune di Lecce

Si terrà oggi (ore 17), presso la sede di Confartigianato, un nuovo incontro tra i panificatori leccesi ed Alfredo Pagliaro, assessore comunale leccese alla Qualità della Vita. Continua la campagna di valorizzazione della qualità del pane indetta dal Comune

Prosegue la campagna di valorizzazione della qualità del pane avviata da Alferdo Pagliaro, assessore all’Igiene, Sanità Pubblica, Randagismo e Qualità della Vita del Comune di Lecce Si terrà alle ore 17 di oggi, infatti, un nuovo incontro (presso la sede di Confartigianato Lecce) con i panificatori leccesi che hanno aderito all’iniziativa e si sono mostrati disponibili a qualificare la propria attività, soprattutto attraverso la riconoscibilità del proprio prodotto. “E’ fondamentale – evidenzia Pagliaro – che il cittadino possa inequivocabilmente riconoscere all’interno del panificio il pane locale e questo lo si ottiene soltanto attraverso la tracciabilità del prodotto e dei suoi ingredienti. A questo scopo, da ogni panificio aderente all’iniziativa, sono state approntate delle schede tecniche, in quanto guida per l’individuazione e strumento di scelta del prodotto, riportanti la tipologia di pane, gli ingredienti utilizzati, ma anche il metodo ed i tempi di preparazione. Quello della qualità è un requisito sempre più richiesto dal cittadino/consumatore e la sua garanzia è alla base di un impegno istituzionale intrapreso dall’Assessorato, che ha posto al centro della sua attenzione la tutela dell’Igiene, della Sanità pubblica e della Qualità della Vita, mirando, nel contempo, alla tutela dei produttori che, in questo modo – conclude – possono anche avvalersi di prerogative concorrenziali non sottovalutabili”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!