Ambito territoriale di Galatina: intesa tra Comuni e aziende

La presentazione dell'accordo

L'obiettivo è l’inclusione sociale e lavorativa di soggetti svantaggiati. I Comuni dell'ambito territoriale sociale di Galatina e le aziende del territorio si muoveranno insieme per raggiungerlo

Ormai è intesa tra i Comuni dell’Ambito Territoriale Sociale di Galatina (composto da Galatina, Aradeo, Cutrofiano, Neviano, Sogliano Cavour e Soleto) e le aziende del territorio. L’accordo intende puntare all’inclusione sociale e lavorativa di soggetti svantaggiati e, pertanto, ha programmato e attivato specifici interventi rivolti a persone che si trovano in situazioni di disagio economico e sociale, in modo particolare, agli ex detenuti, ex tossicodipendenti, donne in condizione di difficoltà familiare e disabili. Tale strategia è indirizzata alla costruzione di una rete coordinata di attori che operano sul territorio volta all’integrazione dei sistemi coinvolti nelle politiche di inclusione sociale e lavorativa, ancora poco comunicanti tra loro, con il duplice obiettivo di offrire un’occasione di riscatto sociale a chi si trovi in situazioni di disagio economico e sociale, e di accrescere la consapevolezza di far parte di una comunità, che occorre tutelare per il proprio bene e per quello degli altri. I dettagli della collaborazione saranno illustrati alle ore 11 di oggi nella sala conferenze di Palazzo Adorno a Lecce alla presenza degli esponenti istituzionali che si sono interessati alla sua costituzione: Loredana Capone, vice presidente ed assessore alla Sicurezza e Qualità Sociale, Cosimo Durante, assessore provinciale alle Politiche Comunitarie e membro del comitato di presidenza del PIT 8, Sandra Antonica, sindaca del Comune di Galatina, i sindaci dei Comuni di Aradeo (Daniele Perulli), Cutrofiano (Aldo Tarantini), Neviano (Giorgio Cuppone), Soleto (Elio Serra), Sogliano Cavour (Salvatore Polimero), Angelo Calabretti, responsabile dell’Ufficio di Piano dell’Ambito Zona, Alessandro Nocco, consulente esperto dell’Ambito di Zona e Cosimo Esposito, direttore del Distretto socio-sanitario di Galatina.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!