Pellegrino e conflitto di interessi. Il gip non archivia l'inchiesta

Ercole D'Aprile allo studio dei documenti

Non si sa quando Ercole D'Aprile, giudice per le indagini preliminari, deciderà se far procedere o meno l'inchiesta su presunto conflitto di interessi per Giovanni Pellegrino: certo è che questa non è stata archiviata. E che i faldoni con la ragioni dei principali accusatori di Pellegrino, ovvero Raffaele Fitto e Lorezo Ria, sono al vaglio dello stesso gip

Il giudice ha detto no. Ercole D’Aprile, giudice delle indagini preliminari, non ha accettato la richiesta di archiviazione dell’inchiesta sul presunto conflitto di interessi di Giovanni Pellegrino, presidente della Provincia di Lecce, avanzata dal pubblico ministero Patrizia Ciccarese. Quando si saprà se l’inchiesta continuerà e meno, ancora non è dato saperlo: D’Aprile non si è espresso sui tempi, anche perchè i documenti da analizzare sono tanti. Si tratta di due faldoni che contengono gli accertamenti svolti dal pm Ciccarese in cui sono raccolti sia l’esposto di Pellegrino sia gli interrogatori del deputato Raffaele Fitto, coordinatore di Forza Italia, principale accusatore del presidente della Provincia in materia di conflitto di interessi, e di Lorenzo Ria, senatore della Margherita. Il primo accusò Pellegrino di conflitto di interessi, in quanto il suo studio continuava ad occuparsi degli interessi legali di un gruppo come la Monteco pur avendo la Provincia acquisito nuove responsabilità in tema di tutela ambientale; il secondo sollevò questioni etiche legate al doppio ruolo di legale e di politico.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!