Handicap. Una consulta per l'integrazione

Si può aderire sino al 20 dicembre

“Consulta provinciale per l’integrazione delle persone in situazione di handicap e delle loro famiglie”: c’è tempo fino al prossimo 20 dicembre per presentare le domande di adesione

Obiettivo della Consulta è la costruzione di relazioni stabili con persone in situazioni di handicap e le loro famiglie, attraverso il coinvolgimento delle associazioni che le rappresentano. Possono presentare domanda di adesione le associazioni senza finalità di lucro e le organizzazioni di volontariato che hanno sede in provincia di Lecce, che sono formalmente e regolarmente costituite da almeno sei mesi e i cui soci sono prevalentemente persone con handicap o loro familiari. La Consulta è un organismo di confronto, di valutazione ed impulso delle azioni che mira o favorire la semplificazione e la ricomposizione delle prestazioni in favore delle persone diversamente abili. Questo strumento può contribuire in modo significativo a favorire il coordinamento degli interventi in materia di disabilità, in quanto le funzioni amministrative e i servizi assistenziali e socio sanitari di integrazione delle persone diversamente abili sono articolati e attribuiti a diversi enti pubblici (ASL, Province, Comuni, Scuola). Il testo del regolamento per il funzionamento della Consulta è stato definito attraverso un processo partecipativo, che ha tenuto conto anche delle osservazioni pervenute dal mondo dell’associazionismo. “Questa nostra scelta di costituire una Consulta sull’handicap”, dichiara Loredana Capone, assessore provinciale alla Sicurezza e Qualità Sociale “è dovuta alla volontà di porre, sempre con maggiore forza, all’attenzione delle istituzioni e dell’opinione pubblica il tema dei diritti delle persone diversamente abili. Vogliamo ribadire l’importanza della piena integrazione nella società delle persone diversamente abili”. “Grazie a questo strumento si è dato vita ad un luogo istituzionale dove si potrà riflettere sullo stato dei servizi locali per i diversamente abili, rilevare le principali criticità e sopratutto proporre soluzioni, chiamando ciascuno di noi alle proprie responsabilità. Con la nascita della Consulta si è dato positivo riscontro alle forti richieste delle associazioni di persone in situazione di handicap e dei loro familiari, garantendo la partecipazione attiva delle persone diversamente abili, che potranno promuovere direttamente iniziative in favore dell’integrazione sociale, scolastica e lavorativa”, conclude Loredana Capone. Lo schema di domanda e l’avviso pubblico integrali sono consultabili sul sito istituzionale della Provincia di Lecce www.provincia.le.it.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!