Lecce. Chiude il 118 in viale Repubblica

Perrone scrive alla Asl

A Lecce dopo la chiusura della postazione del servizio 118 in viale della Repubblica il Sindaco Perrone scrive alla Asl per chiarire i motivi di questa decisione

Il sindaco Paolo Perrone, anche in qualità di massima autorità sanitaria del territorio, ha inviato oggi una lettera al Commissario della Asl Lecce Rodolfo Rollo per conoscere i motivi della chiusura della postazione del servizio di emergenza 118 di viale della Repubblica. “A seguito delle numerose segnalazioni di cittadini – scrive il primo cittadino – mi preme conoscere i motivi di tale decisione che, di fatto, priva il territorio comunale di un servizio indispensabile. Mi risulta che questa postazione di primo soccorso ha operato sino ad oggi in maniera molto egregia contando sulla preziosa disponibilità dei volontari, che non hanno mai percepito alcun rimborso per il servizio svolto. Peraltro – continua – sarebbe utile capire le ragioni per le quali nella ASL Lecce 1, contrariamente alle altre sedi pugliesi, non è stata indetta una gara per l’assegnazione delle postazioni e del relativo finanziamento. La chiusura del servizio 118 di viale della Repubblica si aggiunge ad altre scelte discutibili quali la chiusura del medesimo servizio a San Cataldo o la riduzione degli orari del presidio sanitario estivo della stessa marina, nel quadro – conclude il Sindaco nella lettera – di una ingiustificata penalizzazione del territorio comunale leccese”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!