Cade dal motorino. E questo va a fuoco

Incidente a Gallipoli

Il motorino è scivolato su una pozza di gasolio e il giovane conducente non è riuscito a mantenerne il controllo. Poi, in seguito all'impatto, il ciclomotore ha preso fuoco. Nessun danno ai presenti

Transitava a bordo del suo ciclomotore nei pressi dell’incrocio di via Firenze con via Torino a Gallipoli ed ha perso improvvisamente il controllo del mezzo, cadendo sull’asfalto. Il motorino ha proseguito il suo tragitto scivolando sul manto stradale e finendo la sua folle corsa contro un’auto che in quel momento da via Firenze svoltava a sinistra per immettersi su via Trento. Nessuna conseguenza per i passeggeri a bordo dell’auto né per il giovane motociclista che se l’è cavata con qualche contusione ed escoriazione. Ma non è tutto. Perchè, poco dopo l’impatto il motorino ha preso improvvisamente fuoco. Le fiamme sono state prontamente domate da Antonio Tricarico, ex presidente della protezione civile di Gallipoli, che con un estintore preso a prestito dal titolare del tabacchino “Busti” è intervenuto in tempo per evitare danni. Dalle prime ricostruzioni sembra che la caduta del ciclomotore sia stata causata dai residui di una pozza di gasolio ancora presenti sull’asfalto in seguito ad una perdita del carburante registrata nella serata di ieri.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!