Sergio Goffredo sulla sicurezza nei cantieri edili

Il presidente di Edile Ance Lecce interviene

Sergio Goffredo, presidente sezione Edile Ance Lecce di Confindustria Lecce commenta l'episodio di un infortunio in un cantiere edile

“E’ preoccupante notizia di oggi, anche per i risvolti di difficoltà economiche che denuncia, che un ‘pensionato bisognoso’ ha avuto un infortunio, mentre era attento a lavori di manutenzione su di una casa”. Esordisce così il presidente della Sezione Edile Ance Lecce di Confindustria Lecce Sergio Goffredo, nel commentare l’episodio. “Chiedo – continua Goffredo – se questo incidente rientrerà nelle statiche di interesse del settore delle costruzioni edili: spero proprio di no. Questo infortunio è la conferma di quanto da me più volte segnalato: l’attività edile non sempre ha dietro una impresa edile ed i comportamenti dell’uomo nel lavoro sono una variabile da non ignorare. Demonizzare l’impresa edile come quella che specula sulle condizioni di sicurezza nei cantieri non è corretto ed irrispettoso dell’impegno dell’imprenditore e dei lavoratori nella costruzione di un sistema di sicurezza”. La Sezione Costruttori Edili di Confindustria Lecce sottoscrive, ancora una volta, la volontà a costruire, con il contributo del Comitato Paritetico Territoriale contro gli infortuni e della Scuola Edile, un sistema di sicurezza per prevenire gli infortuni, garantire l’incolumità delle persone che lavorano nel cantiere, ridurre i costi connessi alle problematiche sulla salute e sicurezza dei lavoratori, diffondere la cultura della sicurezza nelle imprese: valore etico, dovere sociale.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!