Coppia di fidanzati con l'hobby dello spaccio

Alezio. Li hanno incastrati i carabinieri dopo numerosi appostamenti. Antonio Nardelli e la sua fidanzata avevano messo su una vera centrale dello spaccio

Alezio. Sono stati sorpresi dai Carabinieri della compagnia di Gallipoli mentre spacciavano cocaina ed eroina. Si tratta di Antonio Nardelli, 24enne originario di Gallipoli e P.R. 27enne di Taviano, pluripregiudicato per detenzione ai fini di spaccio lui, incensurata lei, sono state perquisite approfonditamente l'abitazione e la terrazza adiacente. Abitano, infatti, in una piccola abitazione del centro storico di Alezio. I Carabinieri della locale stazione li controllavano da diverse settimane. Riscontro dopo riscontro, sequestro dopo sequestro di sostanze stupefacenti ai loro acquirenti, hanno ricostruito tutti i loro traffici ed i loro spostamenti. Gli ultimi controlli erano partiti qualche giorno fa. Ma già da settembre scorso c'erano stati i primi servizi di osservazione, controllo e pedinamento di soggetti tossicodipendenti tutti provenienti dal territorio di competenza della Compagnia Carabinieri di Gallipoli. Già da allora si erano avuti i primi sentori. I “clienti” si recavano a piedi presso l’abitazione dove venivano ritirate le dosi. Gli scambi avvenivano al di fuori della abitazione stessa, gli assuntori bussavano in maniera anomala, ripetutamente, come se dovessero riprodurre un “codice” alla porta dei fidanzatini spacciatori che, senza mai uscire, passavano la cocaina da un’apertura appositamente realizzata e ricevevano i soldi. Nel corso del blitz, scattato nel primo pomeriggio, e protrattosi fino a sera, i Carabinieri hanno sequestrato, abilmente occultate in doppi fondi realizzati all’interno dei comodini nella stanza da letto ed in una credenza della cucina: 2 bilancini di precisione; 7 rotoli di nastro adesivo; N. 1 involucro contenente grammi 40 eroina “brown-sugar”; N. 1 involucro contenente grammi 15, cocaina; N. 1 pezzo mannite grammi 20; Banconote in contante euro 700,00 circa di vario taglio. Inoltre sono stati ritrovati materiale vario di confezionamento ed un quaderno con i nomi dei clienti e gli importi da versare. Il Nardelli è stato tradotto persso la Casa Circondariale di Lecce, la fidanzata denunciata in stato di libertà.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!