Lecce. Disagi al liceo Virgilio

I genitori incontrano gli assessori provinciali

Una delegazione di genitori di studenti del liceo Virgilio di Lecce, non potendo incontrare la preside dell’istituto, con la quale discutere il problema della scelta di una nuova succursale, ha chiesto di poter incontrare gli assessori provinciali

Alla vice presidente Loredana Capone che ha ricevuto insieme al dirigente del settore Giorgio Felline e ai funzionari delegati, i genitori dei ragazzi del liceo Virgilio di Lecce è stato manifestato il disagio derivante dall’individuazione di una succursale scelta dalla scuola tra le proposte che la Provincia aveva offerto. Tali proposte scaturivano dall’emergenza di trovare nuovi locali per l’enorme incremento di iscrizioni che ha prodotto al Liceo Virgilio la crescita di 6 nuove classi. Gli studenti e i genitori hanno chiesto un maggiore collegamento con i trasporti, la presenza di autorità di sicurezza sulla strada e una maggiore vivibilità complessiva dell’immobile. “Ho assicurato di continuare nell’impegno ad alleviare il disagio che il Liceo Virgilio sta vivendo, legato alla sua enorme crescita, tenendo conto delle richieste formulate dalla delegazione, pur senza disporre di bacchette magiche – spiega la vice presidente Loredana Capone – del resto, proprio in questi giorni stiamo pubblicando un bando, già approvato dalla giunta, per l’acquisizione, anche in compravendita, di immobili da destinare ad uso scolastico a partire dall’anno venturo. Il bando che scadrà alla fine di novembre, potrà far risolvere in modo definitivo i problemi più urgenti, legati alla crescita delle iscrizioni alle scuole superiori della città di Lecce”. Si è tenuto proprio nei giorni scorsi, peraltro, un primo incontro tecnico tra gli assessori provinciali alle Politiche educative (Loredana Capone) e all’Edilizia scolastica (Salvatore Capone) e gli assessori comunali all’Urbanistica (Roberto Marti) e alle Politiche educative (Luciano Battista), con gli Uffici tecnici di entrambi gli enti per esaminare la consistenza e la ubicazione delle varie aree destinate a servizi e all’edilizia scolastica nel capoluogo. L’incontro, che ha fatto seguito ad una lettera inviata al sindaco dal presidente Giovanni Pellegrino nei giorni scorsi, è stato particolarmente proficuo e si è aggiornato alla prossima settimana per le prime determinazioni.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!